Comunicati stampa

Ottieni le ultime notizie dal leader nella salute dei dati

Talend presenta la prima soluzione per misurare la salute dei dati, portando chiarezza e fiducia in ogni decisione

Talend Data Fabric garantisce l’affidabilità e la precisione dei dati per aiutare le aziende a gestire l’attività sulla base di dati affidabili. REDWOOD CITY, California - 14 settembre 2020 - Talend, azienda leader a livello globale nell'integrazione e nell'integrità dei dati, ha annunciato un importante aggiornamento a Talend Data Fabric, la piattaforma che fornisce dati completi, puliti e conformi in tempo reale. La nuova release sarà incentrata su funzionalità avanzate integrate in Talend Trust ScoreTM, che consente di valutare istantaneamente l'affidabilità dei dati di un'organizzazione. Con questo aggiornamento Talend renderà disponibile la prima soluzione del mercato per la misurazione della salute dei dati, in grado di diagnosticare e risolvere in maniera intelligente problemi di integrità dei dati in ambienti multi-cloud, ibridi e on-premise. Con Talend Trust Score, le aziende potranno utilizzare i loro dati in totale fiducia per prendere rapidamente decisioni che consentano di aumentare i ricavi, fare innovazione più velocemente e ridurre costi e rischi.  Poiché i dati valutati da Talend Trust Score vengono indicizzati, ottimizzati e sono pronti all'uso, la soluzione velocizza le migrazioni al cloud e mantiene le aziende operative, migliora la data science e l'analisi dei dati e i casi di utilizzo operativi, oltre a garantire la conformità con le iniziative di governance dei dati. Come componente di Talend Data Fabric, Talend Trust Score offre le seguenti migliorie: Piena fiducia nei dati a prima vista: Con Talend Trust Score, tutti i set di dati vengono indicizzati automaticamente con un crawler per restituire all'azienda un'immagine completa della salute dei suoi dati prima di cominciare a utilizzarli. I dati possono essere valutati in ambienti multi-cloud, on-premise e ibridi, inclusi data warehouse e data lake in cloud dei principali fornitori. Affidabilità e risoluzione dimostrabili: Trust Score mostra i criteri utilizzati per valutare l'affidabilità dei dati, in modo che le organizzazioni possano capire come sono stati misurati i loro dati. Questi criteri comprendono validità, popolarità, completezza, rintracciabilità e utilizzo. Inoltre, Talend Data Fabric risolve automaticamente i problemi dei dati raccomandando le trasformazioni appropriate mediante comprensione semantica. Integrazione tra intelligenza artificiale (AI) e umana: Talend Trust Score unisce il meglio dell'AI e delle competenze umane per costruire un contesto attorno ai dati e per dare un'immagine completa della salute dei dati. “L'affidabilità dei dati è una necessità assoluta quando si devono prendere decisioni che incidono direttamente sul benessere dei dipendenti e sulla sicurezza in generale,” afferma Charles Link, Director of Data and Analytics, Covanta. “Noi gestiamo una supply chain di dati in tempo reale provenienti da oltre 40 siti: poter disporre di dati automatizzati e affidabili è fondamentale per la nostra operatività quotidiana.  Talend Data Fabric con Talend Trust Score mette a nostra disposizione una piattaforma accessibile e completa di cui ci possiamo fidare.” “Sempre più settori industriali devono fare affidamento sui dati per sostenere la crescita del business e molte aziende cercano di diventare data-driven, ma alla prova dei fatti i loro dati risultano inaffidabili,” osserva Stewart Bond, Research Director, Data Integration and Data Intelligence Software, IDC. “Nel tentativo di capire se i loro dati siano obsoleti, inaffidabili, imprecisi o incompleti, le imprese perdono tempo e qualità nei processi decisionali, con potenziali ripercussioni sui ricavi. Oggi più che mai, disporre di dati affidabili è fondamentale per operare con successo. Talend Trust Score è concepito per garantire alle organizzazioni quella fiducia nei dati di cui hanno bisogno per prendere decisioni in modo agile e consapevole.” Talend Trust Score è parte integrante di Talend Data Fabric, l'unica piattaforma di integrazione e integrità dei dati che semplifica tutti gli aspetti della gestione dei dati per l'analisi e l'utilizzo, garantendo il conseguimento dei risultati operativi. Talend Data Fabric comprende una suite di applicazioni che assicura la completezza, la pulizia, la conformità e l'immediata disponibilità dei dati a tutti coloro che ne hanno bisogno all'interno dell'organizzazione. “Talend Trust Score consente alle imprese di operare avendo piena fiducia nei loro dati e di aumentare sensibilmente l'affidabilità e la precisione dei processi decisionali in tempo reale,” afferma Ciaran Dynes, SVP Products, Talend. “Con questa release, Talend ribadisce il suo impegno a garantire alle organizzazioni l'integrità dei dati necessaria per restare competitive nell'attuale mercato data-driven.” Le nuove funzionalità di Talend Data Fabric in Talend Trust Score saranno disponibili a partire dal quarto trimestre. Per maggiori informazioni e per toccare con mano l'efficacia della soluzione, prova Public Trust Assessor, uno strumento gratuito di Talend che mette a disposizione un ambiente per verificare alcune delle funzionalità di Trust Score con qualsiasi set di dati.
Leggi di più

Talend affida a Christal Bemont il ruolo di CEO

Ann-Christel Graham assume la carica di CRO e Jamie Kiser quella di CCO; i nuovi manager portano una vasta esperienza nel cloud per sviluppare la crescita di Talend; l’azienda fornisce le stime preliminari del fatturato per il quarto trimestre 2019 REDWOOD CITY, Calif. - 09 gennaio 2020 - Talend, leader globale nell'integrazione dei dati cloud e nell'integrità dei dati, ha annunciato oggi la nomina di Christal Bemont, ex Chief Revenue Officer di SAP Concur, a Chief Executive Officer e Direttore del Consiglio di amministrazione di Talend. Mike Tuchen, che ha guidato il processo di trasformazione di Talend negli ultimi 6 anni portandola da una startup di 50 milioni di dollari a un’azienda quotata in borsa da 250 milioni di dollari, lascia con effetto immediate l’incarico di CEO rimanendo all’interno del Consiglio di amministrazione. Contestualmente, l’azienda ha annunciato di aver assegnato l’incarico di Chief Revenue Officer ad Ann-Christel Graham e quello di Chief Customer Officer a Jamie Kiser. “In qualità di CEO di Talend, Mike ha implementato con successo una strategia pluriennale, facendo crescere l'azienda fino a un fatturato di quasi 250 milioni di dollari e trasformandola in un leader nell'integrazione del cloud. Negli ultimi 18 mesi, Mike ha guidato la trasformazione di Talend verso il cloud e ci ha permesso di raggiungere l’obiettivo di avere oltre la metà del nuovo fatturato ricorrente annuale (Annual Recurring Revenue) proveniente dal cloud nel quarto trimestre. Desidero ringraziarlo per la sua visione e il suo impegno nel posizionare l’azienda in modo da sfruttare una grande opportunità globale", ha affermato Steve Singh, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Talend. "Sono entusiasta di avere Christal come CEO di Talend. Avrà un ruolo fondamentale nell’accelerare la nostra trasformazione cloud e nell’ampliare la strategia di go-to-market. Ho lavorato a stretto contatto con Christal in Concur e SAP, dove ha contribuito a trasformare una startup in un'azienda cloud da oltre 1 miliardo di dollari. Il consiglio di amministrazione è fiducioso che le sue capacità di leadership, la sua conoscenza del mercato del cloud e la sua profonda esperienza nel mercato SaaS aiuteranno Talend a cogliere l’opportunità che le si presenta". Bemont porta in Talend una vasta esperienza nell’attuazione di strategie di go-to-market per la scalabilità delle aziende cloud. Vanta una comprovata esperienza nei processi di trasformazione digitale, nell'espansione in nuovi mercati, nella collaborazione tra il canale e i partner e nella creazione di efficienza operativa. In qualità di Chief Revenue Officer di SAP Concur, Bemont ha supervisionato un’azienda presente  in oltre 90 paesi ed è stata responsabile dello sviluppo e dell'esecuzione di tutte le strategie di go-to-market per stimolare e sostenere una crescita annuale del fatturato di oltre il 25%. In precedenza, Bemont ha ricoperto una serie di posizioni di vendita e di leadership sia in grandi aziende che in piccole-medie imprese negli ultimi 15 anni. All'inizio della sua carriera, Bemont ha svolto una serie di mansioni incentrate sul successo dei clienti e sul miglioramento delle attività commerciali in Motorola e prima ancora ha lavorato per Adexs, Extensity e Clarify. "Oggi si apre il prossimo capitolo di Talend nel suo nostro viaggio per diventare un'azienda da miliardi di dollari di fatturato. Ho avuto l’onore di  guidare il team che ha portato Talend da una startup fino all'IPO e ora a un’azienda da un quarto di miliardo di dollari, e non vedo l'ora di vedere Talend entrare nella sua prossima fase di crescita su larga scala" ha affermato Mike Tuchen. "Christal vanta capacità di leadership eccezionali, una profonda esperienza nelle strategie di go-to-market e un'esperienza unica nello sviluppo di aziende cloud multimiliardarie. È il leader giusto al momento giusto nell'evoluzione di Talend". "Il cloud svolge un ruolo sempre più essenziale nel fornire all'impresa informazioni di business, e Talend svolge un ruolo altrettanto importante fornendo l'unica piattaforma cloud del settore che rimuove i principali ostacoli che impediscono alle aziende di utilizzare i dati come risorsa strategica. Talend si trova ora in una posizione unica per approfittare di quella che è diventata un'opportunità multimiliardaria nel mercato cloud", ha dichiarato Christal Bemont, CEO di Talend. "Sono lieta di entrare a far parte dell'azienda e non vedo l'ora di lavorare con il mio team dirigenziale e con un gruppo di dipendenti di talento per sfruttare lo slancio di Talend verso il cloud e sviluppare il business". Ann-Christel Graham, che ricoprirà la nuova posizione di Chief Revenue Officer di Talend, porta in azienda quasi due decenni di esperienza di leadership nelle vendite di soluzioni SaaS. Più recentemente, Graham è stata vicepresidente delle vendite per i clienti enterprise in SAP Concur, responsabile della gestione di cicli di vendita complessi e multimilionari per le aziende Fortune 1000 e della creazione di team di vendita ad alte prestazioni. In precedenza, ha ricoperto una serie di posizioni commerciali di crescente responsabilità sempre in SAP Concur. Inoltre, Jamie Kiser entra a far parte di Talend in qualità di Chief Customer Officer. In precedenza, ha lavorato per oltre sei anni in SAP ricoprendo diversi  ruoli in ambito prodotto, servizi e implementazione, laddove è stata più recentemente vicepresidente, settore pubblico globale per SAP Concur. In concomitanza con le nuove nomine al vertice, l’azienda ha comunicato anche l'entrata di nuovi dirigenti per le aree vendite e marketing in Europa. Muriel Raffatin è entrata recentemente come responsabile marketing EMEA mentre Gareth Vincent assumerà il ruolo di direttore generale EMEA il mese prossimo. Talend ha inoltre annunciato che Nanci Caldwell uscirà dal Consiglio di Amministrazione. "Voglio ringraziare Nanci per il suo incredibile contributo a Talend; è stato un piacere lavorare con lei", ha continuato Steve Singh. "La vasta esperienza di Nanci nel settore IT e nei consigli di amministrazione  è stata inestimabile". Talend è all'inizio del processo di chiusura del trimestre e, sulla base dei dati preliminari, prevede che il fatturato complessivo per il quarto trimestre conclusosi il 31 dicembre 2019 saranno compresi tra i 66,5 e i 67,0 milioni di dollari, contro i 65,4 e i 66,4 milioni di dollari della precedente previsione. I ricavi relativi agli abbonamenti dovrebbero essere compresi tra 58,8 milioni di dollari e 59,2 milioni di dollari, con una crescita annua del 21%-22% in base alla valuta corrente. Inoltre, Talend Cloud ha rappresentato il 50% delle nuove entrate ricorrenti annuali (ARR) nel quarto trimestre del 2019.  Talend rilascerà i suoi risultati finanziari per il quarto trimestre e l'anno fiscale 2019 dopo la chiusura dei mercati il 13 febbraio 2020. L’azienda organizzerà una conference call e un webcast in diretta per analisti e investitori alle 16:30 (ET) di quel giorno. Il comunicato stampa con i risultati finanziari sarà accessibile dal sito web dell’azienda prima della conference call. Forward-Looking Statements This press release contains forward-looking statements within the meaning of Section 27A of the Securities Act of 1933, as amended, and Section 21E of the Securities Exchange Act of 1934, as amended. Forward-looking statements generally relate to future events or our future financial or operating performance. In some cases, you can identify forward-looking statements because they contain words such as “may,” “will,” “should,” “expects,” “plans,” “anticipates,” “could,” ”would,” “likely,” “intends,” “target,” “projects,” “contemplates,” “believes,” “estimates,” “predicts,” “potential” or “continue” or the negative of these words or other similar terms or expressions that concern our expectations, strategy, plans or intentions. Forward-looking statements in this press release include, but are not limited to, our anticipated operating results for the 2019 fourth quarter and fiscal year, our expectations regarding our ability to continue to bolster our market position and our prospects for future growth. Our expectations and beliefs regarding these matters may not materialize, and actual results in future periods are subject to inherent risks, uncertainties and changes in circumstance that are difficult or impossible to predict. Consequently, you should not rely on these forward-looking statements. Actual outcomes and results may differ materially from those expressed or implied by these forward-looking statements as a result of such uncertainties, risks, and changes in circumstances, including, without limitation, risks and uncertainties related to our ability to continue to deliver and improve our products and successfully develop new products; customer acceptance and purchase of our existing products and new products, including conversion of leads to sales; our ability to successfully transition to the cloud; the impact of the transition to cloud on our professional services revenue; our ability to retain and increase sales to existing customers and generate new customers; market demand for data integration solutions, particularly our cloud and on-premise big data integration solutions; interruptions or performance problems associated with our technology and infrastructure; competition from other products and services; the sufficiency of our cash and cash equivalents, to meet our cash needs; the unpredictability and length of our sales cycle; our ability to deliver high-quality customer support; any security incidents or breaches or perceptions of security incidents or breaches; our ability to hire, train, and retain highly skilled and qualified employees, including senior-level managers, engineers, and our ability to expand and train our sales force; the performance of our channel partners; our success in sustaining and expanding our international business; our ability to generate significant volumes of sales leads from digital marketing efforts; the seasonality of our business; our ability to protect our intellectual property, including trade secrets and copyrights; costs resulting from any claim of infringement or other violations by us of another party’s intellectual property rights; our ability to comply with government laws and regulations; natural and man-made disasters; and general market, political, economic and business conditions, including the fluctuation of foreign currency exchange rates and softening economic and uncertain geopolitical conditions in Europe.  The forward-looking statements contained in this press release are also subject to other risks and uncertainties, and the foregoing list of factors is not exclusive. Additional risks and uncertainties that could affect our financial and operating results are included under the captions “Risk Factors” and “Management’s Discussion and Analysis of Financial Condition and Results of Operation” and elsewhere in our most recent filings with the Securities and Exchange Commission, including our most recent reports on Form 10-K filed with the SEC on February 28, 2019 and our most recently filed quarterly report on Form 10-Q. Our SEC filings are available on the Investor Relations section of our website at http://investor.talend.com and the SEC’s website at www.sec.gov. The forward-looking statements in this press release are based on information available to us as of the date hereof, and we do not undertake, and specifically disclaim, any obligation to update any forward-looking statements provided to reflect any change in our expectations or any change in events, conditions, or circumstances on which any such statement is based, except as required by law.
Leggi di più

Nuova ricerca Talend: il tasso di conformità al GDPR rimane basso

Oltre la metà delle aziende intervistate non è stata in grado di soddisfare le richieste di accesso ai dati e portabilità entro il termine di un mese come richiesto dal GDPR Redwood City, Calif. - 03 dicembre 2019 - Il 58% delle aziende intervistate a livello mondiale non è riuscito a rispondere alle richieste da parte degli utenti di ottenere una copia dei propri dati personali entro un mese così come stabilito dal regolamento GDPR, lo rivela la nuova ricerca Talend, leader globale nell'integrazione dei dati cloud e nell'integrità dei dati. La prima ricerca sul GDPR di Talend - pubblicata nel mese di settembre 2018 con l'obiettivo di valutare la capacità delle aziende di rispettare il diritto di accesso ai dati e di portabilità in conformità con la normativa europea - metteva in evidenza che ben il 70% delle aziende intervistate riferiva di non essere stata in grado di mettere a disposizione i dati entro un mese. A distanza di un anno, Talend ha interpellato un nuovo panel di aziende, comprese le aziende che in occasione della precedente ricerca avevano segnalato il mancato rispetto della tempistica, con lo scopo di verificare il miglioramento. Sebbene la percentuale complessiva  di aziende che hanno segnalato la conformità sia aumentata al 42%, la percentuale rimane ancora bassa 18 mesi dopo l'entrata in vigore del regolamento. Organizations must do more to regain the trust of their data subjects and be aware that they risk very significant fines and significant reputational damage in the event of non-compliance and especially through class actions – both of which could prove to be severely detrimental to a business." "I risultati della nuova ricerca mostrano chiaramente che il diritto di accesso ai propri dati da parte dell'utente rappresenta ancora il tallone d'Achille della maggior parte delle aziende", ha dichiarato Jean-Michel Franco, Senior Director Data Governance Products di Talend. "Per ottemperare pienamente al GDPR è necessario conoscere dove si trovano i dati, come vengono elaborati e da chi, nonché garantire che i dati siano attendibili. A seguito delle varie normative sulla protezione dei dati che sono entrate in vigore negli Stati Uniti (California Consumer Privacy Act nel gennaio 2020), attraverso l'APAC (PDPA in Tailandia nel maggio 2020) e in America Latina (LGPD in Brasile nell'agosto 2020), le aziende devono necessariamente avviare una trasformazione relativa alla governance dei dati per poter offrire una visione completa dei clienti e garantire ai responsabili delle protezione dei dati di disporre di soluzioni che consentano una maggior automazione nell'elaborazione e gestione dei dati. Le aziende devono impegnarsi molto per riguadagnare la fiducia dei propri clienti con la consapevolezza di incorrere in pesanti multe e danni alla reputazione in ​​caso di non conformità soprattutto se vengono intraprese le cosiddette class action, con gravi ripercussioni sull'azienda stessa". I principali risultati della ricerca: La categoria dei "ritardatari" ovvero le organizzazioni del settore pubblico e le aziende di telecomunicazioni e media si sta per soddisfare i requisiti La ricerca rivela che solo il 29% delle organizzazioni del settore pubblico intervistate potrebbe fornire i dati entro il limite di un mese. La necessità di una governance dei dati più integrata rappresenta un must per il 2020, e oltre, dettato da un utilizzo sempre maggior dei dati e delle nuove tecnologie - come il riconoscimento facciale, l'intelligenza artificiale - da parte del settore pubblico per migliorare l'esperienza dei cittadini. La stessa situazione viene osservata nel settore telecomunicazioni e media dove solo il 32% delle aziende intervistate ha dichiarato di essere in grado di fornire i dati come indicato dal Regolamento. La categoria "si potrebbe migliorare" ovvero le aziene del mondo retail, servizi finanziari, viaggi, trasporti e ospitalità che raggiungono a malapena un tasso di successo medio Rispetto all'indagine condotta da Talend lo scorso anno, le aziende del settore retail hanno migliorato il tasso di risposta, infatti, il 46% delle organizzazioni intervistate ha dichiarato di aver fornito risposte entro il limite di un mese. E' dunque cresciuta la percentuale di aziende che in questo ambito ha iniziato ad adottare un approccio 'cliente-centrico' per migliorare sia la customer experience sia i processi interni. La stessa situazione si rileva con le aziende che operano nei settori finanziario, viaggi, trasporti e ospitalità, questi ultimi in particolare, sono considerati i migliori in quanto rappresentano il 38% di tutte le aziende che hanno fornito dati in meno di 16 giorni. La mancanza di automazione rappresenta un ostacolo Dalla ricerca condotta da Talend emerge che la mancanza di automatismi nell'elaborare le richieste è una dei motivi principali per cui le aziende riescono ad essere conformi al Regolamento e che determina anche la mancanza di visione completa dei dati e di chiarezza sulla responsabilità dei dati all'interno dell'azienda. Nel settore dei servizi finanziari, ad esempio, i clienti possono essere titolari di più contratti con una stessa società la quale potrebbe essere situata in più posti, rendendo difficile il recupero di tutte le informazioni relative a quel determinato cliente. L'elaborazione delle richieste richiede quindi un processo manuale e spesso coinvolge varie figure aziendali. Inoltre, l'elaborazione di queste richeste può essere molto costosa; secondo un recente studio di Gartner, le aziende "spendono, in media, oltre $ 1400 per rispondere a un singolo SRR."[1] È necessario migliorare il processo di richiesta e la prova ID La ricerca evidenzia anche la mancanza di un controllo degli ID durante il processo di richiesta dei dati dei singoli richiedenti. Complessivamente, solo il 20% delle aziende intervistate ha richiesto la prova di identificazione. Inoltre, delle aziende intervistate che hanno riferito di aver richiesto una prova di identificazione, pochissime utilizzano una modalità sicura e online per condividere documenti di identità. Nella maggior parte di casi, le copie di identificazione sono state fornite via e-mail. Il processo di richiesta rimane quindi pesante con le difficoltà che sono state indicate in precedenza, inclusa la ricerca dell'indirizzo e-mail corretto per inviare la richiesta e il follow-up delle e-mail perché i dati sono incompleti o perché i file non possono essere aperti. Lo studio completo è illustrato da Jean-Michel Franco in occasione della Data Governance Winter Conference che si tiene a Delray Beach, Florida. Per ulteriori informazioni su come fornire dati affidabili in modo rapido e far fronte alle nuove e future sfide per a gestione dei dati, è disponibile il Report Talend Data Trust Readiness. Ti è piaciuta questa notizia? Condividila con un tweet: Nuova ricerca @Talend rileva che il tasso di conformità al GDPR rimane basso https://bit.ly/2CkBwuS Informazioni sulla ricerca Talend ha condotto una ricerca di mercato per valutare la capacità delle aziende di conformarsi al nuovo regolamento GDPR. La ricerca ha coinvolto 103 aziende a livello internazionale interessate dal GDPR  (aziende UE [84%] o aziende con sede in NORAM [8%] o APAC [8%] che svolgono attività in Europa) in diversi settori (retail, media, tecnologia, utility e telecomunicazioni, settore pubblico, finance, viaggi, trasporti e hospitality). L'analisi ha riguardato quanto segue: Valutare se le imprese hanno aggiornato le loro politiche sulla privacy secondo il GDPR Ricercare se le aziende hanno messo in atto modalità per consentire ai consumatori di richiedere i dati GDPR (per esempio, le informazioni personali che l'azienda detiene) Valutare la rapidità e l'accuratezza con cui le aziende si conformano ai requisiti GDPR per richiedere i dati Richiedere i dati GDPR in modo che possano essere direttamente accessibili e riutilizzabili dall'individuo (portabilità dei dati). [1] Gartner: 5 Areas Where AI Will Turbocharge Privacy Readiness, Bart Willemsen, 20 agosto 2019
Leggi di più

Talend aiuta L’Oréal a trasformare i dati in soluzioni innovative nel campo della cosmesi

Il leader mondiale nel beauty mette a frutto dati e intelligenza artificiale grazie a Talend e Microsoft Azure - 31 ottobre 2019 - Talend, leader globale nell’integrazione e integrità dei dati in cloud, ha annunciato che L'Oréal, il leader mondiale nei prodotti di cosmetica e bellezza, ha scelto Talend per il data lake del proprio dipartimento Research & Innovation (R&I) in un ambiente IaaS private su Microsoft Azure. Con Talend, i team R&I di L'Oréal possono inserire i diversi dati scientifici, marketing e IoT per alimentare attività di analisi all’avanguardia e lo sviluppo di nuovi prodotti innovativi.  "Nel settore globalizzato dei prodotti di bellezza, L'Oréal deve innovare sempre più velocemente per soddisfare i desideri e le esigenze dei clienti che sono alla ricerca di nuovi prodotti e servizi che rispettino il corpo e l'ambiente. La nostra visione è quella di fornire sempre nuovi servizi", ha affermato Philippe Benivay, IS Experimental Data Intelligence di L'Oréal. "I dati e l'intelligenza artificiale ci permettono di agire più velocemente per creare prodotti cosmetici che soddisfano le infinite esigenze di bellezza e i desideri dei consumatori di tutto il mondo. Con Talend, nel nostro ambiente private cloud su Microsoft Azure, siamo in grado di trasformare le attivitià di R&I in un servizio a valore aggiunto che può sfruttare tutti i dati della ricerca per fornire il meglio dell'innovazione cosmetica in termini di qualità, efficienza e sicurezza". I team della divisione R&I di L'Oréal presenti in tutto il mondo sono impegnati a studiare e creare prodotti innovativi e di qualità impeccabile. Ogni anno, i team di sviluppo introducono diverse migliaia di nuove formulazioni. Questi continui progressi sono il risultato di un dialogo continuo tra scienza e marketing. L'Oréal dimostra scientificamente e rigorosamente la sicurezza e l'efficacia delle proprie innovazioni. Per portare nuovi prodotti sul mercato, R&I deve essere in grado di raccogliere tutti i dati relativi alla caratterizzazione e alla definizione fisica-chimica delle formulazioni e delle materie prime, e alle prestazioni percepite dei prodotti da parte dei consumatori in condizioni reali e in tempo reale. Per godere di una visione più accurata delle formule e della percezione del prodotto, L'Oréal ha voluto capitalizzare e centralizzare tutti i dati di ricerca di varia natura e formato. Questa necessità di integrare più fonti di dati ha portato alla scelta di Talend e all'implementazione di un nuovo data lake in un ambiente IaaS privato su Microsoft Azure. Grazie a Talend Data Fabric, L'Oréal è in grado di collegare tutti i tipi di database, dati di laboratorio strutturati e fonti di dati molto eterogenei e talvolta grezzi, come la misurazione robotica o i dati delle immagini. La soluzione di Talend permette a L'Oréal di incorporare algoritmi intelligenti direttamente nei flussi di data integration sotto forma di API. Il data lake consente alla divisione R&I di consolidare e preparare i dati per facilitare le analisi dei ricercatori e aiutarli a basare le loro conclusioni su dati affidabili e di alta qualità. Il data lake elabora 50 milioni di dati al giorno. Con Talend, i dati sono disponibili in tempo reale e il data lake viene aggiornato più volte al giorno, consentendo una gestione più accurata dei progetti di ricerca sensibili. Il primo caso d'uso operativo sviluppato per il Dipartimento Finance è stato quello della gestione economica della ricerca. Le nuove dashboard hanno gestito tutti gli indicatori di prestazione (KPI) per le attività di ricerca e i costi associati, come i test per la certificazione e la qualificazione. Per soddisfare le esigenze commerciali, l'azienda ha distribuito data mart on-demand per produrre ulteriori conoscenze su molti argomenti, come il microbioma (microrganismi che vivono all'interno e sulla superficie dell'epidermide) o l’esposoma (l'effetto dell'inquinamento sulla pelle). I tossicologi possono accedere in modo semplificato, automatico e rapido a dati di qualità per supportare lo sviluppo di nuove formulazioni. Le valutazioni dei consumatori, tutti i video acquisiti durante le sessioni di test per valutare l'efficacia dei prodotti sono integrati nel data lake, consentendo l'elaborazione e la manipolazione quasi istantanea delle immagini. "I team di ricerca devono basare le loro analisi e conclusioni su dati affidabili e accessibili in tempo reale", ha dichiarato Ciaran Dynes, SVP di Products, Talend. "Il team R&I di L'Oréal utilizza i dati e l'intelligenza artificiale non solo come aiuto per lo sviluppo di prodotti nuovi e sempre più innovativi, ma anche per informare gli altri reparti dell'azienda. In Talend siamo orgogliosi di poter contribuire all'innovazione del leader mondiale della bellezza". Ulteriori informazioni su come L'Oréal utilizza Talend sono disponibili qui. Per maggiori informazioni su altri casi d’uso innovativi di clienti e per l’intera offerta di soluzioni Talend, visitare www.talend.com.
Leggi di più

Talend annuncia la nomina di Lauren Vaccarello a Chief Marketing Officer

Con una solida e riconosciuta esperienza marketing in ambito SaaS, contribuirà alla crescita del business cloud Redwood City, Calif. - 27 agosto 2019 - Talend, leader globale nell'integrazione e integrità dei dati in cloud, ha nominato Lauren Vaccarello a Chief Marketing Officer. Vaccarello porta in Talend una significativa esperienza marketing nel settore SaaS e vanta una riconosciuta capacità nel sostenere la crescita del business di alcune delle aziende SaaS in più rapida espansione della Silicon Valley grazie all'attivazione di moderne campagne di marketing digitale, branding e di demand generation. La sua nomina di Vaccarello arriva in un contesto di rapida evoluzione del business di Talend basato sull'offerta in cloud. Le soluzioni SaaS messe a disposizione da Talend Cloud rappresentano il 36% dei risultati finanziari raggiunti nel primo trimestre del 2019 e crescono di oltre il 100% su base annua per undici trimestri consecutivi. Vaccarello sarà responsabile di guidare l'organizzazione di marketing dell'azienda e la strategia di branding. "Sono lieto che Lauren Vaccarello entri in Talend in qualità di CMO", ha dichiarato Mike Tuchen, CEO di Talend. "Lauren è una persona dinamica con una profonda conoscenza del mercato software e vanta comprovate capacità nell'aiutare le imprese nel settore SaaS ad aumentare i ricavi, mantenere e far crescere la loro base clienti attraverso tecniche di marketing all'avanguardia. Il business Talend sta crescendo in tutto il mondo e lavoreremo insieme a lei per continuare la nostra espansione". In precedenza Vaccarello ha ricoperto il ruolo di Vice Presidente Marketing di Box, di marketing esecutivo presso AdRoll e Salesforce. Riconosciuta come esperta di marketing digitale in ambito B2B, Vaccarello ha scritto due libri leader del settore, "Complete B2B Online Marketing" e "The Retargeting Playbook". È stata anche insignita di numerosi premi per il suo lavoro, tra cui "Top 50 Women in Revenue" e "Most Influential Women in Business" del San Francisco Business Times. "Senza dubbio, i dati sono diventati l'asset più critico per ogni azienda", ha commentato Vaccarello. "Affinché i dati siano utili, tuttavia, devono essere affidabili e disponibili tempestivamente ed è questo il valore che le soluzioni di integrazione e integrità di Talend possono fornire in modo unico. Sono entusiasta far parte di una realtà così grande e di aiutare a mostrare il potenziale e il valore dell'offerta Talend a una più ampia gamma di clienti in tutto il mondo".
Leggi di più

La piattaforma Talend facile e conveniente per accelerare progetti di integrazione dati semplici e completi

La nuova release Summer ’19 di Talend Data Fabric è progettata per dare il via alle integrazioni di dati e offre la possibilità di scalare rapidamente in ambienti ibridi e multi-cloud complessi Redwood City, CA - 17 luglio 2019 - Talend, leader globale nell'integrazione e integrità dei dati in cloud,  ha annunciato oggi la release Summer '19 di Talend Data Fabric, la sua suite end-to-end. La nuova versione rappresenta la prima piattaforma scalabile disponibile sul mercato che consente una facile accelerazione per lo sviluppo di tutti i tipi di ambienti di integrazione dati, dalle semplici attività di acquisizione dati agli scenari più completi. La versione Summer '19 consente alle aziende di gestire da subito le esigenze aziendali per l'avvio di progetti di integrazione dati a lungo termine come la governance e il supporto cross-cloud. La nuova release di Talend Data Fabric consente ai professionisti dei dati - dai 'citizen integrator' agli sviluppatori più tecnici - di adottare rapidamente progetti di data warehouse e di passare facilmente a casi d'uso ibridi multi-cloud più complessi e affidabili. Le nuove funzionalità flessibili con modello di pagamento a consumo, la chat integrata e la preparazione dei dati basata su machine learning, possono accelerare lo sviluppo di progetti nuovi e di quelli già in corso. Grazie ai miglioramenti della protezione dei dati e DevOps scalabili con supporto migliorato e all'integrazione automatica continua (CI), Talend Data Fabric è in grado di assicurare la gestione di progetti di qualsiasi dimensione e complessità. "Il cloud ha cambiato le aspettative delle aziende su quanto sia facile acquistare e utilizzare le soluzioni software aziendali", ha affermato Ciaran Dynes, SVP Products, Talend. "La modalità in cloud consente di pagare in base al consumo, offrendo flessibilità e un entry level a basso rischio per avviare un progetto di integrazione di qualsiasi portata". Le nuove funzionalità della versione Summer ’19 includono: Facilità e rapidità di avvio di progetti di integrazione dati L’opzione flessibile con pagamento a consumo con Pipeline Designer abilita una fatturazione più semplice in base a quanto viene utilizzato consentendo l'avvio di progetti di integrazione dei dati di nuova generazione La chat integrata offre assistenza online in tempo reale per aiutare gli utenti a risolvere i problemi tecnici Scalabilità per integrazioni complesse affidabili in ambienti cloud, ibridi e on-premise Dati intelligenti con integrazione di funzioni di machine learning (MagicFill) Distribuzioni ibride gestite centralmente dal cloud Il supporto completo per i Databricks e connettività Microsoft Azure con Pipeline Designer offre maggiori opzioni per la connettività e l'elaborazione di big data su larga scala Supporto nativo esteso per Delta Lake, il livello di storage open source che rende disponibile l'analisi dei dati La nuova funzione Format Preserving Encryption reversibile che soddisfa le esigenze di protezione dei dati sensibili Accelerare lo sviluppo su larga scala Il supporto avanzato per i container offerto da Docker per Data Services e Routes permette di scalare facilmente verso l'alto e verso il basso in base alle esigenze aziendali L'automazione CI aziendale può essere facilmente attivata utilizzando il nuovo plug-in zero config CI per sfruttare automaticamente CI / CD senza alcuna impostazione o configurazione complessa. "Il percorso di trasformazione digitale è unico per ogni singola azienda", ha continuato Dynes. "I requisiti per avviare un progetto di integrazione dati sono diversi da quelli di un progetto più consolidato. Le aziende possono partire rapidamente con un'unica soluzione funzionale, ma in ultima analisi, ciò che impegna risorse in azienda è la sfida dell’integrazione di molteplici ambienti  multidimensionali. La nostra release Summer '19 è innovativa e risponde alle esigenze di un mercato dinamico con un ambiente unificato che può scalare facilmente per aiutare le aziende a sfruttare tutti i dati, comprenderli meglio, prendere decisioni più intelligenti e ottenere un maggiore valore per il proprio business". La versione Summer di Talend Data Fabric sarà disponibile nel corso del terzo trimestre per ambiente cloud e on-premise. Ulteriori informazioni sull'aggiornamento del prodotto sono disponibili qui. Ti è piaciuta questa notizia? Condividila con un tweet: .@Talend offre la prima piattaforma pay-as-you-go scalabile che offre accesso facile e rapido per accelerare progetti di integrazione semplici e completi https://bit.ly/2AVUTIh
Leggi di più

Nuova survey Talend: la maggior parte delle imprese non si fida dei loro dati

Solo il 31% dei data specialist ha un alto livello di fiducia nella capacità delle loro aziende di fornire rapidamente dati attendibili Redwood City, CA - 12 luglio 2019 - Meno di un terzo (31%) dei data specialist, tra cui analisti, data scientist e responsabili della qualità dei dati, sono pienamente fiduciosi nella loro capacità di fornire rapidamente dati affidabili all’interno della loro azienda; questo è quanto rivela la recente survey globale di Talend, leader globale nell'integrazione e integrità dei dati nel cloud. Nella suvey di Talend condotta da Opinion Matters, 763 professionisti dei dati (dirigenti e operativi) di tutto il mondo sono stati intervistati per comprendere i livelli di fiducia nella capacità delle loro aziende di affrontare due sfide importanti e concomitanti: 1) acquisire, elaborare e democratizzare i dati con rapidità; 2) garantire l'affidabilità e l'integrità delle informazioni nei flussi di dati condivisi dall’azienda. Percezione di fiducia, divario tra Management e Operations Secondo l'indagine, c'è un significativo divario di percezione tra i professionisti più senior e il middle management IT (i professionisti dei dati a livello operativo), dove i primi sono sostanzialmente più sicuri nelle capacità delle loro aziende. "I diversi livelli di fiducia mostrati dalle persone a livello manageriale ed operativo che gestiscono i dati non sono sorprendenti, ma è un quadro decisamente preoccupante", dichiara Ciaran Dynes, Senior VP dei prodotti di Talend. "Quello che vediamo oggi è che le aziende fanno fatica a fornire dati affidabili quando è necessario così come stentano a guadagnare credibilità all'interno, nel mercato e con i clienti. Le aziende devono costruire un ponte tra l'IT e i professionisti dei dati - responsabili della loro consegna in tempi rapidi - e le persone incaricate di costruire e salvaguardare la fiducia, compito che spesso viene gestito a livello dirigenziale. Sebbene la fiducia possa provenire dall'alto, la capacità di fornire dati affidabili in tempi rapidi richiede l'impegno di ogni data specialist all'interno di azienda, così come è necessario che ci sia un allineamento a livello culturale. Questo lavoro di solito si basa sull’attività dei data champions,  coloro che hanno le competenze per guidare il cambiamento culturale nella gestione dei dati e dei processi". I principali risultati dell'indagine, evidenziano pricipalmente tre gap significativi - fiducia, velocità ed esecuzione - tra i quali troviamo: Eccellenza nel controllo della velocità e dell'integrità: i Leader e gli altri La trasformazione digitale è spesso una questione di velocità: accelerare il time to market, stimolando azioni e interventi in tempo reale, o fornire customer experience personalizzate. Quando le aziende riescono a combinare velocità e integrità, possono fornire dati intelligenti e affidabili in tutte le attività che svolgono.  Tuttavia, nonostante l'importanza di garantire velocità e affidabilità dei dati, solo l'11% degli intervistati ritiene che la propria azienda abbia raggiunto l'eccellenza sia in termini di velocità che di integrità.   Una differenza significativa tra il personale dirigente e quello operativo Nel complesso, le persone che operano a più stretto contatto con i dati confidano meno nelle capacità delle loro aziende di avere fiducia nei propri dati, infatti solo il 31% dimostra alti livelli di fiducia. Per contro, il 46% degli intervistati a livello dirigenziale è fiducioso nella capacità delle proprie organizzazioni di fornire dati affidabili in tempi rapidi. Per quanto riguarda la conformità normativa, uno dei criteri chiave per valutare la fiducia, il 52% degli intervistati a livello dirigenziale dichiara di essere molto ottimista relativamente al raggiungimento della conformità con le normative sui dati, mentre la percentuale scende al 39% tra i professionisti del dato - che possono essere responsabili di apportare concretamente delle modifiche per garantire la conformità. La fiducia nella qualità dei dati rimane bassa L'indagine mostra che solo il 38% degli intervistati ritiene che le loro aziende eccellano nel controllo della qualità dei dati. Meno di uno su tre (29%) dei professionisti del dato sono convinti che i dati delle loro aziende siano sempre accurati e aggiornati.  L'integrazione dei dati in tempo reale a 360 gradi è ancora una sfida L'accesso ai dati in tempo reale o almeno tempestivo accelera i cambiamenti e aiuta le aziende a prendere decisioni strategiche di business più affidabili e in tempi più rapidi, ottenendo così risultati migliori. Secondo il sondaggio, solo il 34% dei professionisti del dato crede nella capacità delle proprie aziende di portare a termine con successo un processo di integrazione dei dati in tempo reale a 360 gradi, mentre gli intervistati a livello dirigenziale si sentono di nuovo più sicuri (46%) in merito a questo proposito. "Siamo entrati nell'era dell'economia dell'informazione, dove i dati sono diventati le risorse più critiche per ogni singola azienda", continua Dynes. "Le strategie basate sui dati sono indispensabili per il successo in qualsiasi settore. Per supportare obiettivi di business come la crescita dei ricavi, i profitti e la soddisfazione dei clienti, le aziende devono poter contare su dati affidabili in modo da poterli forinire quando è necessario e sui quali poter fare affidamento per ottenere informazioni dettagliate cruciali per il business. La fiducia nei dati deve essere massima perché senza dati affidabili non ci può essere fiducia nelle decisioni aziendali, e a quel punto anche la fiducia degli stakeholder e dei clienti svanirà rapidamente". Per ulteriori risultati, analisi e guide pratiche per migliorare la fiducia nei dati e la velocità di accesso, il report Talend Data Trust Readiness può essere consultato qui. Il report comprende risultati dettagliati e un'analisi dei diversi criteri utilizzati per valutare la fiducia nei dati delle aziende e la velocità di accesso. Ti è piaciuta questa notizia? Condividila con un tweet: La survey di @Talend mostra che la maggior parte delle imprese non si fida dei loro dati https://bit.ly/2AVUTIh Informazioni sulla Survey Dal 25 aprile al 22 maggio 2019, Opinion Matters ha intervistato 763 professionisti dei dati (a livello di management e operations) con diversi livelli di responsabilità. Questo studio globale ha intervistato  un minimo di 150 professionisti in ogni paese: Regno Unito, Francia, Germania, Stati Uniti e in tutta l’Asia-Pacifico. I 763 professionisti dei dati intervistati lavorano per aziende con più di 500 dipendenti. L'obiettivo di questa ricerca è stato quello di ottenere la cosapevolezza da parte dei  professionisti dei dati relativamente alla capacità delle loro organizzazioni  di trattare i dati con fiducia e velocità, in base a 10 capacità: Come garantire la fiducia Controllare e padroneggiare i dati grazie a asset di dati aggiornati, affidabili e completi Ottenere il controllo su tutti i dati dell'organizzazione e prevenire lo shadow IT Creare un'unica fonte di dati affidabili e promuovere la proprietà dei dati Dotare le aziende di strumenti e sistemi moderni per la gestione e il monitoraggio dei dati. Applicare la conformità normativa con dati di buona qualità Garantire la velocità Eseguire l'integrazione dei dati in tempo reale per soddisfare le reali esigenze di business Ottenere accesso immediato ai dati ogni volta che è necessario Consentire l'accesso e l'utilizzo di applicazioni self-service Velocizzare l’analisi delle cause più rapida grazie al data lineage Accelerare la delivery dei dati verso applicazioni e team di terze parti tramite API
Leggi di più

Talend porta l’innovazione per il supporto OpenAPI Visual Design

Miglioramenti dei servizi API per una compatibilità all'avanguardia con tecnologie di terze parti grazie alla release Spring ’19 di Talend Data Fabric Redwood City, CA - 30 aprile 2019 - Talend, leader nelle soluzioni di integrazione e integrità dei dati in cloud, annuncia oggi il supporto per le specifiche OpenAPI (OAS) versione 3.0 che vengono integrate nella release Spring '19  di Talend Data Fabric. Le nuove avanzate funzionalità del servizio API integrate in Talend Cloud forniscono un supporto completo al ciclo di vita dello sviluppo delle API, consentendo un notevole risparmio di tempo nella creazione e nella manutenzione delle API in un ambiente integrato. Questa piattaforma API rappresenta un modo standard e scalabile per le aziende di rendere i dati disponibili a più utenti all'interno e all'esterno di un'organizzazione e di creare nuovi prodotti e servizi in grado di generare nuovi modelli di business e redditività. "In qualità di membro fondatore della OpenAPI Initiative, Talend continua a guidare l'innovazione in ambito visual API design ", ha dichiarato Jerome Louvel, VP Product Management di Talend. "Considerando la crescita delle API guidate da microservizi e iniziative digitali, il supporto per un ambiente che aumenta la produttività dei team DevOps permette al contempo la collaborazione con gli stakeholder API meno tecnici, diventando così di fondamentale importanza. Con questa versione, possiamo anche garantire che i clienti abbiano un percorso di aggiornamento graduale all'OAS 3.0 partendo da versioni precedenti o formati alternativi". Il supporto OAS 3.0 offre velocità e compatibilità Talend Cloud è una piattaforma di integrazione as-a-service (iPaaS) che rende semplice raccogliere, governare, trasformare e condividere i dati. I punti di forza del supporto OAS 3.0 integrato in Talend Cloud includono: Supporto per la composizione del data type, ad esempio accorpare diverse informazioni relative al  cliente (come profilo, contatto o preferenze) in una vista unificata del cliente Supporto polimorfico per il data type Capacità di documentare nuovi schemi di sicurezza (come OpenID Connect o JWT) Componenti API riutilizzabili (ad esempio creare un componente che descrive come impaginare i risultati e utilizzarlo in più operazioni API) Risposta predefinita e intervalli di stato (ad esempio "qualsiasi errore" in questa operazione, verrà restituita "questa particolare" risposta) Conversione delle definizioni API in e da altri formati (ad esempio RAML e Swagger) Implementazione visiva delle API come mini e microservizi Queste nuove funzionalità sono utilizzabili sulle definizioni API esistenti. Attraverso una importazione veloce, i clienti possono passare senza problemi a OAS 3.0 da Swagger 2 così come da RAML. Ulteriori miglioramenti cloud della versione Spring ‘19 Oltre ai nuovi servizi API, la versione Spring ‘19 di Talend Data Fabric include nuove funzionalità per la console di gestione, la preparazione dei dati e le capacità di gestione, tra cui: Migliore supporto per Amazon API Gateway API e per Azure API Management Implementazione del servizio automatizzato tramite le API Talend Cloud Autenticazione tramite token di accesso individuale Un nuovo designer grafico basato sul Web per creare pipeline end-to-end per l'anteprima e la trasformazione dei dati Miglioramento dell'efficienza per la pulizia e la standardizzazione dei dataset Per maggiori informazioni su questa offerta, è possbile visualizzare qui la demo del webinar o utilizzare una versione di prova qui.
Leggi di più

Talend rinnova le pipeline dei dati per gli ambienti ibridi e multi-cloud

Pipeline Designer offre un'esperienza di progettazione semplice per l'integrazione dei dati provenienti da AWS, Azure, Snowflake e altre fonti Redwood City, CA - 16 aprile 2019 - Talend, leader nelle soluzioni di integrazione e integrità dei dati in cloud, annuncia l’integrazione di Pipeline Designer in Talend Cloud, una piattaforma di integrazione as-a-service (iPaaS) unificata, completa e altamente scalabile. La nuova soluzione di progettazione grafica basata su web di Talend semplifica notevolmente la creazione di pipeline di dati end-to-end, offrendo ai clienti la capacità di vedere ‘live’ in anteprima i dati e trasformarli con facilità. Utilizzando un’unica interfaccia web, i data engineer e gli sviluppatori possono progettare facilmente le pipeline per casi d’uso batch e streaming che possono scalare con le più recenti tecnologie multi-cloud e hybrid-cloud. Costruire pipeline di dati in modo più rapido e intelligente con un ambiente di progettazione di nuova generazione. Con Talend, il livello di elaborazione e calcolo è disaccoppiato dalla progettazione di pipeline in modo che le aziende possano scalare in qualsiasi momento con le tecnologie cloud e/o on-premise preferite in qualsiasi momento. Talend Cloud con Pipeline Designer permette agli integratori IT e specializzati di utilizzare una semplice interfaccia per trasformare e spostare i loro dati – che siano on-premise o in cloud, batch o streaming— in data lake cloud e data warehouse all’interno di un unico ambiente senza soluzione di continuità. “La maggior parte delle aziende integra fonti e target in ambienti ibridi e multi-cloud, da cui ci si aspettano disponibilità on-demand, scalabilità flessibile e facilità di utilizzo. Questi ambienti complessi vantano inoltre requisiti funzionali e non funzionali unici che possono tradursi in un insieme di diversi strumenti e tecnologie per una soluzione end-to-end,” ha affermato Stewart Bond, director, Data Integration and Integrity Software research, di IDC. “Talend Cloud con Pipeline Designer è stato creato per ambienti di dati ibridi e multi-cloud, fornendo ai data engineer facilità d’uso e scalabilità elastica on-demand e permettendo l’integrazione di uno strumento unico per dati in streaming e a riposo, semplificando le soluzioni di integrazione”.   Le principali caratteristiche di Pipeline Designer: Creazione di pipeline end-to-end per vedere in anteprima live i dati e trasformarli in un’interfaccia utente basata su web Progettazione e creazione di pipeline resilienti con funzionalità schema-on-read  Sviluppo e debug in tempo reale con un’anteprima live dei dati   Progettazione ottimizzata rapida tra casi d’uso dei dati in batch e in streaming utilizzando un'unica interfaccia. Integrazione di qualsiasi tipo di dato, strutturato o non Facile connessione alle principali fonti di dati come Salesforce, Amazon S3, Redshift e Kinesis, Azure SQL Database, Snowflake e Apache Kafka   Progettazione di pipeline nel cloud, ed esecuzione on-premise, in AWS EMR, o in un cloud privato virtuale Innovazione più rapida e scalabilità immediata    Creazione ed esecuzione di pipeline multi-cloud e hybrid cloud    Scalabilità illimitata eseguendo Apache Spark in modalità nativa su piattaforme big data Sviluppo a prova di futuro con portabilità one-click tra piattaforme   Pipeline di dati per soddisfare le attuali esigenze di integrazione dei dati “Gli attuali requisiti per la progettazione dei dati sono molto diversi da quelli di solo un paio di anni fa. La maggior parte dei team non è pronta o strutturata per elaborare o analizzare i dati in tempo reale; tuttavia, per mantenere la profittabilità, le aziende devono rispondere più rapidamente a opportunità e minacce”, ha affermato Ciaran Dynes, SVP Products, di Talend. “Con la nuova interfaccia utente di facile utilizzo di Pipeline Designer, i clienti saranno in grado di inserire e trasformare facilmente dati batch e streaming. Siamo entusiasti di poter offrire questo nuovo ambiente di progettazione all’interno di Talend Cloud”. Talend Cloud è una piattaforma di integrazione as-a-service (iPaaS) che semplifica notevolmente l’acquisizione, la gestione, la trasformazione e la condivisione dei dati. Talend Cloud con Pipeline Designer è ora disponibile con la nuova versione di Talend Spring’19. Per maggiori informazioni: una demo tramite webinar, inoltre, le avanzate funzionalità di Pipeline Designer sono illustrate QUI. Per iniziare a utilizzare subito Talend Cloud con Pipeline Designer, una versione di prova gratuita per 14 giorni è disponibile a questo. Trovi interessante questa notizia? Condividila con un tweet: @Talend rinnova la data integration per ambienti ibridi e multi-cloud con Pipeline Designer per Talend Cloud https://bit.ly/2AVUTIh
Leggi di più

La nuova ricerca di Talend identifica le tendenze e le best practices del Data Warehouse in Cloud per il 2019

Lo studio condotto da TDWI evidenzia come ottimizzare il ritorno degli investimenti del data warehouse in cloud Redwood City, CA - 25 febbraio 2019 - La nuova indagine condotta da TDWI per conto di Talend, leader globale nelle soluzioni cloud di integrazione dati, i nuovi data warehouse in cloud (CDW) offrono una capacità di dati più ampia, prestazioni più elevate e una maggiore flessibilità rispetto ai tradizionali database on-premise. Dall'indagine è emerso che, sebbene i CDW siano spesso un primo passo importante verso la trasformazione digitale, le imprese devono seguire alcune prassi per affrontare le nuove sfide e per aumentare il ritorno degli investimenti. I risultati completi dell'indagine, con le risposte di oltre 200 data architect, senior IT e senior IT e analisti, possono essere scaricati qui. "L'indagine TDWI considera un'ampia gamma di sistemi IT basati sui dati che migrano in modo consistente verso il cloud includendo il data warehouse", ha dichiarato Philip Russom, Senior Research Director, Data Management di TDWI. "Il cloud fornisce al data warehouse scalabilità elastica, archiviazione agnostica, accesso multi-tenant e controllo dei costi che è fondamentale per soddisfare le nuove esigenze.Tuttavia, i data warehouse in cloud dovrebbero essere completati con una sostanziale infrastruttura di integrazione dati per unificare le diverse parti del warehouse con tutte le fonti di dati e in base agli obiettivi". Decision Resources Group (DRG) rappresenta un esempio. In quanto azienda che gestisce l'archiviazione completa dei dati di oltre il 90% del sistema sanitario statunitense, DRG ha dovuto affrontare le sfide di dover gestire una varietà di fonti diverse di dati. I dati sanitari sono archiviati in modo strutturato, con la necessità quindi da parte di DRG di pulire e normalizzare milioni di record e gruppi di dati in modo da valutare le esigenze dei pazienti e le condizioni di mercato. DRG è riuscita con successo a passare ad una strategia cloud-first implementando la soluzione Talend e il data warehouse in cloud Snowflake, come base fondamentale della sua nuova piattaforma Real World Data. Grazie a questa implementazione, la produttività di DRG è cresciuta del 150% senza aumentare i costi e in soli tre mesi, ha integrato 100 terabyte di dati. L'azienda può ora fornire dati più significativi che consentono ai medici di gestire le diverse categorie di pazienti e i fornitori possono interagire in modo più ottimizzato. I partecipanti al sondaggio oltre ad aver verificato che l'adozione dei CDW è stata fondamentale nell'ottenere prestazioni più rapide a costi inferiori e a sfruttare le funzionalità del cloud, hanno osservato anche una serie di sfide correlate al CDW. Oltre il 50% degli intervistati ha indicato la "governance dei dati" come una delle sfide principali, il 40% ha indicato "l'integrazione dei dati attraverso fonti multiple" e circa il 38% "l'inserimento dei dati nel warehouse". Le esigenze da parte delle aziende di analisi dei dati in un CDW stanno diventando sempre più articolate. Oltre il 35% degli intervistati ha espresso la necessità di avere l'elaborazione in memoria, il supporto per dati strutturati e non strutturati e l'integrazione di tool per le analisi di terze parti. Di conseguenza, i CDW devono accogliere un'ampia varietà di dati e servire una ampia gamma di casi d'uso.   È interessante notare che per il 62% degli intervistati nel processo di implementazione dei CDW desidera che sia integrato un data lake per le analisi. Tutti gli intervistati sono interessati a funzionalità quali la qualità dei dati, la gestione dei metadati, l'elaborazione e la trasformazione dei dati, sia prima sia dopo il caricamento degli stessi in un CDW.  Poiché questi requisiti non possono essere soddisfatti solo dalle tecnologie CDW, come responso viene suggerita la necessità di adottare delle soluzioni di integrazione dati per completare l'infrastruttura. I CDW devono essere in grado di soddisfare una vasta gamma di casi d'uso, da quello commerciale a quello tecnico e di supportare gli incrementi in velocità e in scala, gestendo al tempo stesso le esigenze attuali e future. "I data warehouse cloud consentono alle aziende di creare applicazioni di casi di utilizzo basate sui dati e di distribuire dinamicamente i cluster di dati. Tuttavia, per avere successo, le imprese devono comprendere le esigenze dell'intera organizzazione", ha dichiarato Ashley Stirrup, chief marketing officer di Talend. "La maggior parte delle aziende che utilizzano CDW si aspettano di essere in grado di inserire i dati e il resto seguirà. Al fine di realizzare tutti i benefici - al di là della semplice riduzione dei costi - i data architect devono essere consapevoli di come ogni business unit utilizzi i dati avendo come focus l'integrazione". Quando si adotta un CDW, occorre tenere presente le esigenze di architettura e integrazione dei dati. A differenza di alcune soluzioni, l'integrazione di Talend aiuta ad ottimizzare e scalare l'elaborazione dei dati prima e dopo la loro collocazione in un CDW in modo da ottenere trasformazioni complesse e avanzate. Visita il sito di Talend per scaricare i risultati completi dell'indagine. Ti piace questa notizia? Twitta: Un nuovo sondaggio di @TDWI e @Talend: come avere successo con un #CloudDataWarehouse https://bit.ly/2TDrJHl
Leggi di più